Per la Scuola della Repubblica – Comitato di Firenze

Ven 14/11/08, Cristina ha scritto:

Per la Scuola della Repubblica

Comitato di Firenze

Incontro del 6 novembre sulla scuola

1 –La grande mobilitazione della scuola ha costretto il Governo a cambiare tattica, le scelte politiche però rimangono le stesse.

Si è svolto giovedì scorso  l’incontro sulla scuola promosso dal Comitato per la Scuola della Repubblica; hanno partecipato, oltre a genitori e docenti di diverse realtà scolastiche, esponenti della CGIL Scuola, COBAS, GILDA,  SD, Verdi, Rif. Comunista, Italia dei Valori , dell’ Ass. “Per una Sinistra Unita e Plurale, del Comitato per la difesa della Costituzione ed inoltre del Coordinamento Genitori–insegnanti ed Amministratori locali.

Nel corso dell’incontro è stato confermato il giudizio totalmente negativo sulla politica scolastica di questo governo che si inquadra in una più generale politica di attacco alle conquiste sociali ed all’assetto democratico del nostro Paese.

La grande mobilitazione del mondo della scuola, che ha avuto momenti importanti negli  scioperi con manifestazioni del 17 e 30 ottobre ha costretto il Governo a qualche arretramento ,che però è solo una manovra tattica per continuare a portare avanti la stessa politica eversiva volta a colpire soprattutto le fasce più deboli della popolazione; peraltro per la scuola pubblica sono mantenuti i tagli per complessivi 8 miliardi, su una spesa complessiva di  42 miliardi, con tutte le gravissime conseguenze che ne derivano.

2 . Lavorare per lo sciopero generale

E’ necessario quindi non solo non dare alcun credito a  questo Governo, ma rafforzare la mobilitazione per pervenire ad uno sciopero generale per  un sostanziale cambiamento della politica del Governo e, per quanto riguarda la scuola, per  il ritiro dei tagli e del ddl Aprea e l’avvio di un confronto reale, non solo in Parlamento, ma anche con il mondo della scuola.

3 . La proposta del referendum sulla legge Gelmini e quella della legge di iniziativa popolare

Nell’incontro è stata inoltre presa in esame la proposta del referendum sulla Legge Gelmini (L. n. 169/08 di conversione del D.L. n. 137/08); si sono valutati gli aspetti positivi, ma anche le difficoltà; si è ritenuto opportuna una più attenta riflessione.

Al contrario,  se c’è la volontà politica di tutte le forze politiche e sociali, può rappresentare un concreto punto di riferimento per un’ampia mobilitazione la proposta di legge di iniziativa popolare “Per una buona scuola”, già presentata in Parlamento nella scorsa legislatura.

4 –Le decisioni assunte

A conclusione dell’incontro si è deciso:

a) di diffondere un documento-appello per la costruzione di uno sciopero generale contro le politiche di questo Governo.

b) di denunciare e contestare la paradossale proposta di emendare la legge finanziaria nella parte in cui prevede un taglio di 133 milioni di Euro sui contributi (illegittimi per violazione  della Costituzione) alle scuole private.

c) di sollecitare la Regione a contrastare in sede di conferenza Stato-Regione il piano programmatico previsto dall’art. 64 della L. n. 133/08, come atto presupposto di regolamenti che dovranno  attuare i tagli alla spesa per la scuola.

d) di individuare,  nelle materie che saranno disciplinate con i regolamenti,  le possibili vertenze da promuovere sia nelle scuole sia a livello territoriale e/o nazionale, anche con eventuali iniziative legali.

e) di accogliere la proposta della costituzione di collegi legali per l’assistenza sia nelle vertenze da avviare sia per la tutela dei giovani impegnati nelle occupazioni.

Nell’incontro non è stato possibile entrare nel merito dei singoli problemi che i provvedimenti approvati pongono; per una discussione di merito sui provvedimenti adottati e su quelli proposti  e per la definizione di un concreto programma di iniziative si è deciso di convocare una prossima riunione

Mercoledì 19 ore 21,15

presso il Circolo ARCI Via delle Porte Nuove n. 33.

p. il Comitato

Sebastiano Busia

Per la Scuola della Repubblica – Comitato di Firenzeultima modifica: 2008-11-17T23:04:00+01:00da techla
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento